Bonucci campione in campo e fuori. Ritratto dell’insostituibile juventino

gennaio 9, 2017 No Comments »
Bonucci campione in campo e fuori. Ritratto dell’insostituibile juventino

Leonardo Bonucci è uno dei difensori più forti d’Europa degli ultimi anni. Ma sarebbe sminuito parlare di lui solo per quanto faccia nel campo: Bonucci è un campione anche fuori dal quadrato di gioco. Cresciuto nelle giovanili della Vibonese e dell’Inter, con un passato da centrocampista di cui ancora oggi ne sfrutta le doti con i suoi lanci millimetrici dalla difesa, si afferma con le maglie di Treviso, Pisa ed infine Bari, città in cui si consacra come uno dei difensori più promettenti del panorama italiano. Ed è anche per questo che la Juve decise di acquistarlo a titolo definitivo per rifondare la squadra. Da oltre 6 anni e mezzo  e con la quale ha messo a referto ben 210 presenze e ha vinto 5 scudetti, due Coppe Italia, tre Supercoppe nazionali. Bonucci oltre ad essere insieme a Barzagli e Chiellini un punto fermo della difesa bianconera, è anche uno dei pilastri dell’Italia, con la quale ha già maturato 67 presenze, senza tuttavia essere ancora riuscito a conquistare un titolo.

bonucci campione

Dopo la caduta c’è sempre una risalita

Se sulla carta Bonucci rappresenta calciatore di grandissimo livello e spessore tecnico, nella sua carriera ha dovuto superare diversi momenti difficili che, ne hanno fatto un grande uomo oltre che un calciatore. In primis la crisi tecnica subita il primo anno con la maglia della Juventus, dove un ruolo poco consono alle due doti e qualche giocate troppo leggera lo hanno rilegato in panchina per molte partite. Il momento della svolta è coinciso con l’arrivo alla Juventus di Antonio Conte. E’ grazie al tecnico pugliese ed al suo lavoro mentale che Bonucci è riuscito a ritrovare consapevolezza nei propri mezzi e sicurezza nelle giocate,  finchè grazie ad un lavoro mentale e psicologico non ha ritrovato la maglia da titolare con Antonio Conte. In questi 5 anni di successi juventini Bonucci è uno degli uomini fondamentali. Non è un caso se nella scorsa estate si sono fatte sotto Manchester City e Chelsea con offerte quasi irrinunciabili per chiunque. Non per lui però, tifosissimo della Juve che ha deciso di giurare amore eterno al club di corso Galilei Ferraris. Oltre alle faccende strettamente legate al campo a segnare la vita di Bonucci ci sono anche questioni più delicate, molto più importanti di un pallone. Il suo figlio più piccolo la scorsa estate è stato colpito da seri problemi di salute tanto da far pensare Leonardo ad un clamoroso addio al calcio giocato. Per fortuna la situazione del piccolo Matteo con il passare dei mesi è migliorata sensibilmente e questo ha permesso al suo papà di ritrovare serenità anche nel suo lavoro.

Obbiettivi per il 2017

Dopo aver saltato per infortunio l’ultima parte del 2016 l’obiettivo principale per Bonucci è quello di tornare a giocare. Il suo recupero è previsto per la fine di gennaio, quindi giusto in tempo per ritrovare la forma in vista degli appuntamenti più importanti. Primo fra tutti il doppio incontro di Champions League contro il Porto. Sulla carta, a detta degli esperti di https://www.skybet.it/, non dovrebbero esserci particolari problemi ad approdare ai quarti di finale, anche se in campo internazionale i portoghesi sono sempre stati temibili. Il sogno della Champions, soprattutto dopo averla sfiorata due anni fa nella finale di Berlino contro il Barcellona, è più vivo che mai. Il mercato faraonico della scorsa estate che ha portato a Torino Higuain non può far pensare ad altro. Oltre alla Champions League, però, c’è conquistare anche il sesto consecutivo, traguardo che mai nessuno in Italia ha mai raggiunto. Un motivo in più per entrare nella storia della Juventus.

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *